Google+

Cerca un articolo nel blog

Grazie per aver visitato il Blog, adesso sono le ore |

sabato 15 luglio 2017

Il CARD. ZEN DENUNCIA: IL PAPA E IL VATICANO SOSTENGONO LA FALSA CHIESA CINESE

Chiesa Cinese
Una delle poche chiese cattoliche presenti in territorio cinese durante il rito dell'eucaristia officiato da tre giovanissimi sacerdoti.

‟in Cina le elezioni e la Conferenza Episcopale, sono false e il Papa non potrà dire per sempre no ai vescovi suggeriti dalla dittatura comunista”



Il cardinale Joseph Zen, primo cardinale proveniente dalla Cina che in passato è stato un consulente chiave di papa Benedetto XVI° per quanto ha riguardato le relazioni tra Cina e Vaticano, ha recentemente denunciato un nuovo falso accordo tra il vaticano ed il governo comunista ateo cinese in un'intervista uscita sul sito cattolico polacco Polonia Cristiana.
Liberamente tratto da un'articolo di John-Henry Westen su: | © LIVE SITE NEWS | Venerdì 14 Luglio 2017


Cardinale Zen
L'ex Arcivescovo di Hong Kong ha confrontato la situazione attuale della Chiesa in Cina con i tempi della brutale repressione fisica negli anni Cinquanta e Sessanta, dicendo che la situazione di oggi è peggiore, perché la chiesa è stata indebolita. “Mi dispiace dire che il governo non sia cambiato, ma la Santa Sede sta adottando una strategia sbagliata. Sono troppo desiderosi di condividere, di dialogare in modo da dire a tutti di evitare ogni disturbo, ospitare, comprendere, obbedendo al governo. Adesso le cose stanno andando giù, giù verso il fondo.”

Oggi in Cina l'accordo tra Chiesa e Governo è falso!


Spiegando come si sia potuti arrivare a questa situazione intollerabile, il religioso afferma che Papa Francesco è troppo "ingenuo" avendo conosciuto solo il comunismo in America Latina, ma non in una forma totalitaria come in Cina o in Polonia. Così, dice, mentre i precedenti pontefici Giovanni Paolo II° e Benedetto XVI° avevano capito la situazione al contrario Papa Francesco è confuso.

“In apparenza - ha detto sul nuovo accordo - sembra che l'autorità del Papa sia sicura perché dicono che il Papa ha l'ultima parola, ma tutta questa cosa è falsa. Danno il potere decisionale al governo ... come può essere data ad un governo ateo l'iniziativa di scegliere i vescovi? Incredibile. Incredibile.”

Il Cardinale Zen che oggi ha 85 anni, ed è nato a Shanghai, spiega che mentre Papa Francesco potrà ritenere che tutto vada bene con l'accordo, perché "su carta" il governo approva le elezioni alla conferenza episcopale e poi il Papa ha l'ultima parola. Ma entrambe, le elezioni e la Conferenza Episcopale, sono false, e il Papa non potrà dire per sempre di no ai vescovi suggeriti.

Zen dice che non ci sono vere elezioni in Cina. "Tutto è uguale a prima."

“Non posso credere che la Santa Sede non sappia che non esiste una conferenza episcopale! Di vero c'è solo il nome. Non hanno mai realmente avuto ne' una discussione, ne' incontri programmatici. Si incontrano solo quando sono chiamati dal governo. Il governo fornisce le istruzioni e loro obbediscono. È tutto falso.”

Il cardinale Zen ha ricordato che Papa Benedetto dichiarò che in Cina non esiste una legittima conferenza episcopale. Ci sono vescovi illegittimi in quella conferenza e legittimi vescovi sotterranei che non sono ammessi ad essa, spiega il Cardinale.

Rispondendo all'obiezione che alcuni suggeriscono, che storicamente alcuni re o imperatori hanno potuto fare vescovi, il cardinale Zen ha detto:

"Ma almeno quelli erano re cristiani o imperatori cristiani. Questi invece sono comunisti atei. Vogliono distruggere la chiesa o quanto meno se non possono distruggerla mirano ad indebolirla".

FAI CLIC QUI PER LEGGERE L'ARTICOLO ORIGINALE PUBBLICATO SUL SITO "LIFE SITE NEWS"

Nessun commento :

Posta un commento

Inizio Pagina Su Pagina Giù Fondo Pagina Auto Scroll Stop Scroll