Google+

Cerca un articolo nel blog

Grazie per aver visitato il Blog, adesso sono le ore |

martedì 30 maggio 2017

CHI SONO IO PER GIUDICARE? ...DILAGA IL DISASTROSO “EFFETTO BERGOGLIO”


 •  Papa Francesco nomina vescovo ausiliare di San Diego un sacerdote pro-gender  • 



Il mese scorso, Papa Francesco nominato un sacerdote, cattolico dichiaratamente pro-LGBT, come ultimo vescovo ausiliare di San Diego, a servire sotto la guida del pupillo dell'entourage bergogliana, mons. Robert McElroy, a sua volta promosso vescovo di questa comunità il 3 marzo del 2015 dallo stesso pontefice argentino.
Liberamente tratto da un'articolo di Dorothy Cummings McLean su: | © LIVE SITE | Lunedì 29 Maggio 2017


Chi cerca nuove strade creative per la famiglia?



Padre John P. Dolan, 54 anni ancora da compiere, ha espresso la sua gratitudine a Papa Francesco in una dichiarazione rilasciata al Times di San Diego nella quale ha detto che non vedeva l'ora di “accompagnare” il vescovo McElroy nel suo ministero per la diocesi di questa popolosa comunità americana.
Nel mese di novembre 2016, il vescovo McElroy ha elogiato la parrocchia di padre Dolan, San Giovanni Evangelista a Hillcrest, per il suo atteggiamento di “accoglienza” nei confronti dei “promotori del LGBT”.

Secondo il Times di San Diego, Dolan continuerà a servire come parroco a San Giovanni Evangelista. Egli continuerà inoltre a servire come Vicario per il Clero e come parroco di San Vincenzo de Paul Parish.

Nel mese di dicembre, LifeSiteNews ha riferito che il direttore del ministero dei giovani nella parrocchia sopra citata, il quale è un uomo apertamente gay, è appoggiato da un gruppo radicale dissidente. A quel tempo sulle sue pagine pubblicate sui social media nelle foto della parrocchia di St. John the Evangelist la croce veniva sostituita da una bandiera arcobaleno.

Il gruppo di attivisti LGBT di New Ways Ministry mercoledì scorso hanno festeggiato la nomina di P. Dolan sul loro blog. L'editore Robert Shine cita il Vescovo eletto dicendo di lui:

“Ci sono due diverse forme di fare chiesa ... una è molto dialogante e da un senso alla comunicazione, l'altra invece è di segno autoreferenziale. Fino ad oggi noi abbiamo affrontato la situazione in questo modo monologico. Le indicazioni venivano dall'alto, abbiamo relegato nell'angolo questi pastori che portavano avanti dei pensieri diversi, alla fine è sempre: 'ci siamo qui noi per dirvi cosa dovete pensare ...' invece le nuove generazioni hanno accettato l'esperienza LGBT. È semplicemente una parte del loro mondo e ci guardano, come a dire: 'Qual è il problema?'. ”

Il Vescovo McElroy ha detto al San Diego Herald Tribune che la nomina di Dolan è in linea con l'accento che Papa Francesco ha dato sulla nomina di ‘pastori’ piuttosto che teologi.

“Meno astrazione e più conoscenza del succo, grintoso, della vita”,

ha detto McElroy.

Padre Dolan ha avuto il primo indizio della sua nomina quando ha controllato il suo cellulare nel confessionale e ha visto che aveva perso una chiamata dal nunzio apostolico di Washington DC.

“Poi ho sentito, 'Mi benedica, Padre, perché ho peccato” - ha detto Dolan all'Herald Tribune - “Lasciatemi dire, che questa è stata la più lunga ora di confessioni che abbia mai avuto.”

Residente di vecchia data nella comunità di San Diego, il futuro vescovo ausiliare è andato alle scuole cattoliche locali prima di frequentare il St. Francis Seminary e l'Università di San Diego. Ha conseguito sia un Master of Divinity e un Master in Teologia presso il Seminario di San Patrizio a Menlo Park ed è stato ordinato sacerdote nel 1989 dal vescovo Leo T. Maher.

Il Vescovo Maher fu un critico precoce della “Dignità” dei cattolici pro-LGBT e proibì ai suoi sacerdoti di celebrare messe per questi gruppi. Tuttavia durante il suo episcopato, San Diego fu scossa da numerosi scandali, da cui sono emerse le accuse di orge omosessuali nel St. Francis Seminary da parte di ex seminarista, Mark Brooks e del suo eventuale stupro nel 1982 da parte di Padre Nicholas Reveles. Reveles, che oggi ha lasciato il sacerdozio, ha sempre negato la storia.

Secondo New Ways Ministry, l'“Effetto Francesco” può essere visto in alcune recenti nomine episcopali: Francesco ha nominato vescovo John Stowe di Lexington, Kentucky che partecipato Simposio Nazionale dell'organizzazione LGBT, Francesco ha dato l'incarico al cardinale Blase Cupich di Chicago ed entrambi hanno detto che le persone omosessuali devono “seguire la loro coscienza” e che la Chiesa deve essere aperto a “nuove strade e alla creatività quando si tratta di accompagnare le famiglie [non tradizionali ndr]”.

Affermando che “l'influenza del papa sulla dell'episcopato degli Stati Uniti continua a crescere”, New Ways Ministry rileva anche che:

“Ci sono attualmente otto diocesi vacanti, e diverse decine di vescovi che si avvicinano all'età della pensione obbligatoria.”

STAREMO A VEDERE COSA SUCCEDE!

FAI CLIC QUI PER LEGGERE L'ARTICOLO ORIGINALE pubblicato SUL BLOG "LIFE SITE NEWS"

Nessun commento :

Vuoi commentare questo Post?

Inizio Pagina Su Pagina Giù Fondo Pagina Auto Scroll Stop Scroll