Google+

Cerca un articolo nel blog

Grazie per aver visitato il Blog, adesso sono le ore |

domenica 19 febbraio 2017

I LUTERANI CAMBIANO IL RITO NUZIALE, ECCO LE PRIME ‘NOZZE’ GAY

Un momento della preghiera ecumenica comune nella cattedrale luterana durante la visita del papa a Lund (Osservatore Romano/Lapresse)

“Cattolici e luterani abbiamo cominciato a camminare insieme sulla via della riconciliazione.” (Papa Francesco - Lund, Lunedì, 31 ottobre 2016)



Matrimonio religioso... Come nelle favole! Allo scoccare della mezzanotte del 1° Febbraio scorso, non appena la nuova liturgia della chiesa luterana è diventata applicabile, si è unita in Norvegia la prima coppia omosessuale. Gli sposi Kjell Frølich Benjaminsen, 63 anni, e Erik Skjelnæs, 70 anni: «Non avevamo un secondo da perdere»
Liberamente tratto da un'articolo pubblicato sul sito | © OSSERVATORIO GENDER | Martedì 14 Febbraio 2017


In Norvegia svolta “gay-friendly” delle comunità luterane: per questo è stata addirittura approvata una riforma del rito nuziale, ciò che ha “permesso” lo scorso primo febbraio alla prima coppia omosessuale di “sposarsi” nel tempio di Eidskog, a sud di Oslo. Una Coppia attempata e, peraltro, già rodata in quanto i due contraenti convivevano già dal 1981.

A Quando il “lieto evento”... anche da noi?


Tanto per non farsi mancare niente, la celebrazione è stata presieduta da una “pastora” donna, Bettina Eckbo, dettasi convinta che i due incarnino «tutti i valori del matrimonio: fedeltà e supporto reciproco nei giorni belli ed in quelli difficili», riducendo le nozze ad una forma di sentimentalismo fuori luogo, trattandosi di una relazione omosessuale, dunque condannata dalla Sacra Scrittura.

Presenti alla “cerimonia” amici e familiari, ma soprattutto i riflettori della grande stampa mediatica, che han provveduto a far da grancassa all’evento. Non a caso. I due non han nascosto il fatto di essere militanti Lgbt: una sorta di “bandiera” insomma delle rivendicazioni gay, pronti, subito al termine della “celebrazione”, a battersi per “l’eguaglianza”. Dal che si capisce donde e perché tanto risalto ad una coppia anagraficamente già così stagionata…

SVOLTA IN ARRIVO?

Alla luce di queste importanti novità e di quelle appena introdotte dal vaticano all'interno del nuovo statuto della “Pontificia Accademia per la Vita”, sembra chiaro come l’intenzione dei “vertici” sia quella di imprimere una brusca e decisa svolta alla linea adottata fin qui da questo importante istituto ecclesiastico.
Viste le premesse, la direzione imboccata sembra essere purtroppo quella sbagliata, fianco a fianco con gli acerrimi nemici della chiesa cattolica: gli ideologi del gender. MAH!... teniamo occhi e orecchi ben aperti!

Nessun commento :

Vuoi commentare questo Post?

Inizio Pagina Su Pagina Giù Fondo Pagina Auto Scroll Stop Scroll