Google+

Cerca un articolo nel blog

Grazie per aver visitato il Blog, adesso sono le ore |

mercoledì 27 luglio 2016

PADRE JACQUES HAMEL: UN EROE CHE HA SCELTO DI DIFENDERE DIO FINO ALLA FINE


 •   «Questo è il tempo per essere rispettosi degli altri, chiunque essi siano»  • 



“Possiamo ascoltare in questo tempo l'invito di Dio a prendere cura di questo mondo, per renderlo, là dove viviamo, più caloroso, più umano, più fraterno”. (Padre Jacques Hamel)


opo l'orrore nella chiesa di Rouen emergono nuovi dettagli sulla morte del prete 86enne sgozzato da due jihadisti. Il Sacerdote non si è piegato al diktat dei due islamici e si è rifiutato di inginocchiarsi. Un gesto che di certo segna la drammaticità di quegli attimi. La consapevolezza di morire e il rifiuto di soccombere davanti ai due assassini.

Una vita spesa per gli altri


A quanto pare il religioso prima che venisse sgozzato ha cercato di difendere la sua Chiesa. Non si è piegato al diktat dei due islamici e si è rifiutato di inginocchiarsi. Un gesto che di certo segna la drammaticità di quegli attimi. Aveva la consapevolezza di morire ma si è rifiutato di soccombere davanti ai due assassini.

A raccontare il retroscena è stata suor Danielle che ha assistito alla scena senza che i due jihadisti si accorgerserro della sua presenza.

“Sembravano invasati” ha raccontato suor Danielle. “Gridavano Daesh, Daesh o anche Allah Akbar”. “Volevano che Padre Jacques si inginocchiasse, giravano attorno all'altare facendo una specie di proclama islamico, in arabo.”

Tutti gridavano: “Fermatevi, non sapete cosa state facendo, è una follia.”
Ma i due avevano i coltelli e minacciavano tutti”. Poi quella richiesta al prete: “Inginocchiati”, avrebbero detto al prete.

“Padre Jacques non ha voluto inginocchiarsi, ha resistito e credo che tutto sia degenerato in quel momento, così uno dei due ha sgozzato il prete.”

“Tutti urlavano, i fedeli inorriditi e anche i due invasati. “Fermatevi, fermatevi”. Io ero vicina alla porta, nessuno mi guardava”. Padre Jaques si deve essere accasciato perché la suora racconta che “quello del coltello si era chinato per raccoglierlo. L’altro stava riprendendosi mentre pregava in arabo davanti all'altare. Una barbarie. Ed è stato allora che sono corsa fuori senza che nessuno se ne accorgesse”.

RENDIAMO ONORE A QUESTO SANTO MARTIRE CRISTIANO


Marco Matteucci | mercoledì, 27 Luglio 2016
STRAGE NELLA CHIESA DI ROUEN, PARLA L'ARCIVESCOVO


Nessun commento :

Vuoi commentare questo Post?

Inizio Pagina Su Pagina Giù Fondo Pagina Auto Scroll Stop Scroll