Google+

Cerca un articolo nel blog

Grazie per aver visitato il Blog, adesso sono le ore |

mercoledì 1 giugno 2016

UNA MAREA ROSSO SANGUE CHE UCCIDE LE COSTE DEL CILE


 •  «Pregate figli Miei, per il Cile, perché a causa delle sue azioni soffrirà»  • 



Il fenomeno, causato da un insolito dilagare di una particolare alga, sta uccidendo migliaia di pesci, molluschi e crostacei al largo delle coste cilene.

IL CREATO SI STA RIBELLANDO



Il mare è, per antonomasia, la culla della vita, ma in Cile ora sembra più una fossa comune. Un’inquietante marea rossa sta infatti uccidendo milioni di creature marine nell'oceano Pacifico, al largo delle coste del Cile meridionale, in particolare nei pressi dell’isola di Chiloé, nella regione de Los Lagos, dando luogo alla più grande moria di pesci che il paese ricordi.

La marea rossa è causata da una fioritura algale, che, appunto, conferisce alle acque il colore rosso. Queste alghe producono tossine velenose e, se presenti in grandi quantità, riducono l’ossigeno presente nell’acqua, sono pertanto particolarmente nocive per la fauna marina.


Cosa c’entra El Niño


Tra le cause dell’insolita proliferazione di alghe ci sarebbe secondo gli esperti, l’aumento della temperatura dell’acqua, in relazione con il fenomeno climatico El Niño. La scorsa estate sono infatti state registrate elevate temperature nelle acque dell’oceano Pacifico meridionale.

è un disastro ecologico


La marea rossa ha provocato la morte di un incredibile varietà di specie animali, tra cui sardine, meduse, crostacei, mitili, foche, uccelli marini e calamari, alterando perfino le rotte migratorie delle balene. Lo scorso gennaio, primi segnali dell’imminente catastrofe, sono stati rinvenuti su una spiaggia dell’isola cilena di Santa María i corpi decine di migliaia di calamari di Humboldt (Dosidicus gigas).

Gli ecosistemi sono ingranaggi perfetti ma delicati, un’alterazione rischia di comprometterne la sopravvivenza. Anche gli animali che non sono stati contaminati direttamente, ma hanno mangiato le carcasse delle creature, sono stati avvelenati. Non è stato risparmiato neppure l’animale al vertice della catena alimentare, l’uomo, sarebbero infatti dozzine le persone ricoverate con sintomi di avvelenamento.

Una catastrofe economica


Oltre a rappresentare una catastrofe ecologica il fenomeno in corso in Cile sta anche colpendo duramente l’economia del Paese. Le alghe hanno infatti causato la morte di oltre 20 milioni di salmoni, provocando un ingente danno economico al Cile, secondo produttore mondiale dopo la Norvegia.

Le responsabilità degli allevamenti di salmone


Il fenomeno è, secondo gli scienziati, provocato da diversi fattori concomitanti. Tra i responsabili ci sarebbe anche l’industria del salmone, colpevole di scaricare in mare grandi quantità di materiale organico e sostanze azotate, l’accumulo di questi nutrienti ha favorito il proliferare delle alghe tossiche. Nei giorni scorsi numerosi cortei di pescatori sono sfilati per le strade di Chiloé per protestare contro le multinazionali del salmone.

COME RECITA UN VECCHIO ADAGIO: CHI È CAUSA DEL SUO MAL, PIANGA SE STESSO

Nessun commento :

Vuoi commentare questo Post?

Inizio Pagina Su Pagina Giù Fondo Pagina Auto Scroll Stop Scroll