Google+

Cerca un articolo nel blog

Grazie per aver visitato il Blog, adesso sono le ore |

venerdì 18 marzo 2016

LA COREA NORD È PRONTA AD ATTACCHI PREVENTIVI

 • NUOVA ED ENNESIMA PROVOCAZIONE DA PARTE DELLA COREA DEL NORD: LANCIATI 3 MISSILI BALISTICI • 


Le forze armate della Corea del Nord sono in "stato di allerta" e sono pronte a condurre "attacchi preventivi" in relazione alle esercitazioni militari congiunte tra Corea del Sud e Stati Uniti. Così lo Stato Maggiore nordcoreano in una nota diffusa dall'ambasciata a Mosca della Repubblica Democratica Coreana citata dalla Tass.

 ANSA del 17 marzo 2016 - ore 22:34 
Nuova ed ennesima provocazione da parte della Corea del Nord. Un missile balistico è stato lanciato in serata dalle autorità di Pyongyang ed è caduto in mare, al largo della costa est del Paese. A riferirlo è stata l'agenzia sudcoreana Yonhap precisando che il "razzo, presumibilmente di tipo Rodong, viaggiava ad una velocità di circa 800 km orari".

Il nuovo lancio appare una sorta di sfida all'Occidente, con continue minacce e provocazioni. Meno di tre giorni fa il regime di Kim Jong Un aveva affermato che avrebbe condotto a breve un test con una testata nucleare, quasi in barba alle sanzioni approvate lo scorso 2 marzo dal Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite in seguito al test nucleare e il lancio di un razzo da parte di Pyongyang, rispettivamente il 6 gennaio e il 7 febbraio scorsi.

 ANSA del 18 marzo 2016 - ore 09:52 
La Corea del Nord ha lanciato oggi due missili in tutto, nell'ultimo atto di forza in risposta alle manovre militari in corso di Seul e Usa. Secondo il Comando di stato maggiore sudcoreano, il primo è stato segnalato intorno alle 5:55 locali (le 21:55 di giovedì in Italia), col lancio avvenuto da un'area vicino a Sukchon, sulla parte occidentale del Paese.

Il vettore, verosimilmente un Rodong a media gittata, ha coperto circa 800 km tagliando tutta la Corea del Nord prima di finire nelle acque del mar del Giappone sulla costa orientale, cadendo all'interno della zona aerea d'identificazione nipponica (Jadiz). Dopo 22 minuti, i radar militari sudcoreani hanno rilevato un secondo vettore dalla stessa area: la sua traccia è stata però persa all'altitudine di 17 km forse a causa dell'esplosione avvenuta in volo.

Nessun commento :

Vuoi commentare questo Post?

Inizio Pagina Su Pagina Giù Fondo Pagina Auto Scroll Stop Scroll