Google+

Cerca un articolo nel blog

Grazie per aver visitato il Blog, adesso sono le ore |

martedì 12 gennaio 2016

IL FLOP DEL GIUBILEO DI BERGOGLIO

 •  A un mese dall'apertura del giubileo sono arrivati in Vaticano metà dei pellegrini attesi  • 


Controlli in piazza San Pietro (Omniroma)

Le prime disdette appena 24 ore dopo gli attentati parigini del 13 novembre. «E poi ne sono seguite altre per giorni». «È stato un dicembre nero». Forse è ancora presto per parlare di vero e proprio «flop», ma ad un mese dall’apertura della Porta Santa a San Pietro, il bilancio degli arrivi non è positivo. Sia per il turismo religioso, sia per il numero di visitatori interessati alle bellezze artistiche di Roma, più che a Papa Francesco. Perché l’Anno Santo, per ora, non ha portato i pellegrini che ci si aspettava e anzi ha allontanato anche molti turisti laici.

Una ricerca realizzata dal portale ospitalitareligiosa.it rivela che il 56 per cento delle strutture specializzate nell'accoglienza di turisti religiosi a Roma ha avuto un andamento peggiore di quello previsto, anche se il 66 per cento contava di avere più persone da accogliere. «È colpa del terrorismo» spiega Fabio Rocchi, autore della ricerca e coordinatore del portale che raccoglie case per ferie, bed&breakfast, pensionati, stanze in conventi e monasteri. «La paura di attentati nella Capitale durante gli eventi del Giubileo ha frenato i pellegrini, e a Roma il fenomeno è molto più forte che nel resto d’Italia». Basti pensare che nella Città Eterna le disdette sono state il 62 per cento, contro il 9 di altre zone del Paese.
LEGGI TUTTO

Nessun commento :

Vuoi commentare questo Post?

Inizio Pagina Su Pagina Giù Fondo Pagina Auto Scroll Stop Scroll