Google+

Cerca un articolo nel blog

Grazie per aver visitato il Blog, adesso sono le ore |

giovedì 12 novembre 2015

PROVINCIA DI BERGAMO: MAROCCHINO UCCISO CON UN MACHETE

foto marocchino ucciso a Zingonia

 •  Zingonia: Uomo ucciso in strada a colpi di roncola e machete  • 



La vittima è un marocchino. Era con il fratello che è stato ferito da colpi di pistola Uno è arrivato in bicicletta con un machete a tracolla. Poi ne sono spuntati altri, almeno sette. E sono partiti prima uno, poi tre colpi di pistola. Mohamed El khouman, marocchino di 30 anni che vive a Lallio, ci ha rimesso la vita massacrato con fendenti alla gola e alla schiena, sull’asfalto di Zingonia. Anche suo fratello, più giovane, è stato ferito, anche da un colpo di pistola, ed è finito al policlinico San Marco in codice rosso: grave. Piazza Affari, Verdellino, ieri sera alle 20 si è trasformata nell’arena di un regolamento di conti. Forse un agguato.

Lo indicano i fatti: più persone coinvolte, spuntate dal nulla armate di machete, roncola e pistola. E lo conferma un ragazzo straniero che vive nelle torri di Verdellino e che ha visto la scena dalla finestra. «Niente nome, niente nome, non voglio andarci di mezzo», si raccomanda impaurito. «Ero appena tornato dalla palestra e sono salito in casa. Dalla finestra ho visto un uomo in bicicletta e ho notato che aveva a tracolla un grosso machete. Ha lasciato per terra la bici e poi si è infilato nel piccolo parco dietro a Piazza Affari. Da lì ha raggiunto la piazza». Una scena che faceva presagire il peggio. Così è stato. «È passato un secondo e ho sentito un colpo di pistola. Poi c’è stato il silenzio per pochi secondi e ho sentito altri tre colpi». A quel punto c’è stato il fuggi fuggi. «Ho visto gente che scappava. Tra loro, anche due fratelli che vedevo già girare qui la sera». Uno è andato verso la caserma dei carabinieri, lungo un tratto di Corso Asia, l’altro verso via degli Oleandri. Ma è inciampato e caduto. L’inizio della sua fine. «A quel punto in tre gli sono saltati addosso — prosegue il giovane —. Due avevano il machete e il terzo una grossa roncola. L’hanno colpito più volte». Ma ce n’erano altri. «Due inseguivano l’altro fratello, ma poi hanno mollato la presa. I tre, dopo aver colpito il primo, sono tornati in piazza Affari. Il fratello scampato all'aggressione è tornato indietro e ha cercato di fermare delle auto di passaggio chiedendo aiuto». Nessuno, però, si è fermato. Così anche lui è stato assalito. I tre che avevano massacrato Mohamed sono tornati indietro e hanno assalito anche lui, alla testa e alla schiena. «Poi sono scappati verso Piazza Affari e sono saliti su un’auto che li aspettava, lì vicino alla banca. Mi sembra fosse una Golf, ma non sono sicuro».

Nessun commento :

Vuoi commentare questo Post?

Inizio Pagina Su Pagina Giù Fondo Pagina Auto Scroll Stop Scroll