Google+

Cerca un articolo nel blog

Grazie per aver visitato il Blog, adesso sono le ore |

martedì 20 ottobre 2015

Essere in Te l'Estate


In Ricordo di Mia Madre

Acido riflesso, sbalzo ossidato,
in una vecchia cornice di legno bruno
riluce l’esile pettine d’argento,
sopra il tuo piccolo scrigno
di piuma biscotto e sapone.

Fresca distesa alare
e morbido fruscio di lenzuola bianche,
germinale e diafano pensiero cipriato
e nel turchino più intenso:
...Essere in te l’estate!

Con le tue braccia aperte
ad equilibrare il sole del meriggio,
oltre la meridiana sfalsata di pietra serena
e ordinati mattoni rossi, io ti vedo benessere,
...Tu: La fata blu del mio campo.

Immersa nell'oro della spiga,
ti sovrasta solamente
il verde metallico degli ulivi;
Nel reale, tu sei l'essenza
di quei tuoi candidi capelli
ripresi da questa piccola
e antiquata spilla d'argento.

Mesta e completa, leggera
nelle tue ossa di vetro; Ecco te,
una costante danza di grande premura,
un sussurro continuo di bacchette operose,
ripetuto, incessante messaggio
fra la terra e il cielo.

Limpido è il tuo amabile riflesso;
Netta e sicura è l’autenticità
della tua minuta figura,
ho percorso tanti anni noiosi
in assenza di sentore,
senza più ninnoli da ruzzolare,
ricercandoti nella pupilla
di manti e veli celesti,
...ma di te più niente!

Non ho più veduto,
non ho più voluto,
forse non ho più creduto.
In questa gelida stanza di ghiaccio
ho indossato un giorno,
la tua percezione perfetta.

Ho finalmente ritrovato,
per il buon disegno casuale delle cose,
il bisogno di te e la necessità
di tutti questi lunghi anni, passati
anche solo lontano dalla tua idea,
mi sono lasciato sfogliare
come un libro già letto.

Sempre io sarò qui,
vorrò aspettarti ancora,
con questa febbre d'attesa
con cui tenacemente ti reclamo,
per i tuoi successivi, repentini ritorni,

Nessun commento :

Vuoi commentare questo Post?

Inizio Pagina Su Pagina Giù Fondo Pagina Auto Scroll Stop Scroll